Mercoledì 01 Dicembre 2021

Studio Ivaldi

Contratto di apprendistato, un'opportunità per giovani ed aziende

Contratto di apprendistato, un'opportunità per giovani ed aziende

Il contratto di apprendistato di primo livello per l'inserimento dei giovani nel mondo del lavoro è sempre più richiesto dalle aziende. Lo spiegano i consulenti dello Studio Ivaldi.

Apprendistato di I° livello per il diploma e la qualifica professionale: di cosa si tratta?
È una forma contrattuale particolare che riprende i principi dell’alternanza scuola-lavoro e sposta all'interno di un luogo
di lavoro parte dell'attività che sarebbe svolta in aula o nei laboratori scolastici. Il contratto può essere prorogato di un anno
se l'apprendista non ha conseguito la qualifica. Dopodiché è possibile la trasformazione in apprendistato professionalizzante.

Scuola e lavoro, in cosa consiste?
E’ una formazione interna all’Istituto scolastico di riferimento ed una interna all'azienda, nel rispetto dei programmi e dei principi dell’alternanza scuola-lavoro. Sono attività formative che invece di essere svolte in aula o nei laboratori vengono fatte all'interno di un vero luogo di lavoro. Lo studente assume lo "status" di studente e di lavoratore con l'obbligo di comportarsi a norma di legge in entrambi i luoghi di apprendimento.

Chi può accedere al contratto di apprendistato?
I giovani che abbiano compiuto i 15 anni e fino al compimento dei 25. La durata del contratto è determinata in considerazione
della qualifica o del diploma da conseguire e non può in ogni caso essere superiore a 4 anni.

Lo studente-lavoratore è tutelato in azienda?
Gli apprendisti di primo livello hanno le stesse tutele di tutti gli altri dipendenti, comprese l'assicurazione contro gli infortuni, malattie, maternità e eventuali assegni familiari. 

Per il datore di lavoro ci sono misure fiscali o contributive particolari?
La misura della contribuzione  a carico del datore di lavoro con un numero di dipendenti pari o inferiore a 9 è identica a quella per l'apprendistato professionalizzante, mentre per quelli aventi un organico superiore a 9, l'aliquota ordinaria del 10% è ridotta al 5%. Esonero da obbligo retributivo per le ore di formazione esterna, mentre le ore di formazione interna sono retribuite al 10% della paga ordinaria. Le ore di lavoro eccedenti quelle di formazione sono invece retribuite con la retribuzione base da CCNL.

Per informazioni:
Alessandria
Via Alessandro III, 83
Tel. 0131 253059
Fax 0131 250137
www.studioivaldi.com
info@studioivaldi.com