Mercoledì 01 Dicembre 2021

Articolo 1

"Sanità, le scelte non possono essere appaltate ai tecnici"

"Sanità, le scelte non possono essere appaltate ai tecnici"

ALESSANDRIA - Articolo 1 di Alessandria e Asti interviene sul tema Sanità: "La salute - si legge in una nota del movimento -  è un bene primario. La programmazione e le scelte strategiche non possono essere appaltate ai tecnici".

"Una lunga catena di decisioni e non scelte delle direzioni generali e sanitarie delle Asl - prosegue il documento - sta scaricando nei nostri territori su medici e infermieri il peso della situazione emergenziale, con conseguenti cadute negative sul servizio reso al cittadino. Il personale, numericamente inadeguato, è al limite fisico di sopportazione e il sistema è arrivato al punto di rottura. È indispensabile cambiare rotta superando ogni forma di blocco nelle assunzioni della Sanità pubblica, programmando un percorso nazionale e regionale per la preparazione di personale infermieristico ed eliminando il 'numero chiuso' a Medicina".

Secondo gli esponenti di Articolo 1, "da troppi mesi ormai, in molti territori delle province di Alessandria e Asti, il diritto costituzionale alla salute è nei fatti sospeso e non si intravede una soluzione: una situazione inaccettabile. Il rafforzamento della medicina territoriale e l’utilizzo del fondi del Pnrr devono uscire dalla logica dei convegni e degli annunci e passare all’operatività con un largo coinvolgimento dei sindaci e degli operatori". 

"Investimenti milionari"

"In questi giorni - conclude la nota - apprendiamo dai giornali di piani di investimento milionari sia per la provincia di Alessandria sia per quella di Asti. Bene investire, lo chiediamo da tempo. Ma chi decide? Quando i sindaci sono stati coinvolti in queste decisioni strategiche? Quando si è aperta una discussione pubblica con tutti i soggetti interessati al rafforzamento della sanità pubblica? La salute non può essere appaltata ai tecnici e le istituzioni e la politica devono far sentire la loro voce e quella dei territori. Mentre si progetta il futuro è indispensabile, inoltre, che sia l’assessorato regionale alla Sanità sia i vertici delle Asl non mettano in atto azioni di smantellamento della sanità pubblica per favorire l’espansione dei privati, riducendo ulteriormente i livello di assistenza sociosanitaria nelle due province. La salute è un bene primario che non può e non deve essere integralmente delegato ai tecnici".

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

dal 29 novembre

Poste, nuovo orario per sei uffici: apertura da lunedì a sabato

26 Novembre 2021 ore 10:30
Guardia di Finanza

Sequestrati oltre un milione di beni
a un commercialista alessandrino

29 Novembre 2021 ore 09:57
.