Lunedì 25 Maggio 2020

Aiuti

"Cinque milioni di euro per far ripartire lo sport"

Dalla Regione: lo stanziamento va all'approvazione della giunta

Giovanili: larghi successi per Giovanissimi e Boys 2006

TORINO - "Un piano di interventi straordinari a sostegno dello sport piemontese, per far fronte alle criticità determinante dall'emergenza sanitaria". Lo ha di nuovo annunciato l'assessore regionale Fabrizio Ricca durante i lavori della sesta Commissione, durante la quale è stato espresso parere favorevole, a maggioranza, al piano triennale elaborato dall'assessorato allo sport.

Cambia la somma rispetto a quella indicata un mese fa come subito disponibile - a marzo si era parlaro di quattro milioni-  anche se ancora mancano criteri certi per l'assegnazione dei contributi alle 12mila società dilettantistiche, affiliate a tutte le federazioni e agli enti di promozione sportiva. "Cinque milioni di euro", ha specificato l'assessore, per aiutare realtà tra loro differenti, per dimensioni e soggetti coinvolti. Come saranno distribuiti ancora non è stato detto, se non ribadire "particolare attenzione alle piccole realtà e all'attività giovanile". L'obiettivo è evitare la chiusura per mancanza di liquidità. In realtà, dei cinque milioni complessivi, quattro (come in origine) saranno destinati "subito a copertura delle spese correnti di funzionamento e di gestione ordinaria degli impianti e delle attività per i mesi di interruzione". L'altro milione, così Ricca, servirà "per i bandi tradizionali, che moduleremo, a emergenza finita, anche con il supporto di Coni, Comitato italiano paralimpico e Federazioni".

Per Paolo Bongioanni, presidente della Commissione, "serve convocare associazioni sportive e Coni per definire un protocollo condiviso in vista della riapertura in sicurezza delle società". Protocolli e riaperture che dovranno, però, essere definite anzitutto a livello nazionale, seguendo le indicazioni dell'Istituto superiore di sanità e dei medici sportivi.

Per i club dilettantistici ora servirà capire come richiedere questi contributi non appena ci sarà l'approvazione definitiva: l'urgenza è tanta e per gli impianti ci sono anche le incognite per chi utilizzava palestre all'interno delle scuole. Fra le richieste dei dirigenti anche una ridefinizione dei canoni di affitto delle strutture.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

San Giorgio 

Dramma, agricoltore
si toglie la vita

15 Maggio 2020 ore 15:12
.