Giovedì 13 Agosto 2020

La protesta

Don Abele, il corteo e la città unita

Cosa succede ora dopo la manifestazione per "salvare" il sacerdote?

Don Abele, il corteo e la città unita

Un momento della manifestazione di ieri

VALENZA - E adesso cosa succederà? Forse nulla o forse molto. Cosa accadrà dopo la grande manifestazione di ieri, con Valenza in piazza per cercare di non perdere don Abele Belloli, parroco della Madonnina, destinato a essere trasferito, forse a Castellazzo? Come si comporterà il vescovo Gallese, da cui dipendono le sorti del sacerdote?

Cambierà idea o si comporterà come quando, sempre a Valenza, impose il trasferimento di don Giuseppe Biasiolo a Bosco Marengo e Frugarolo?

All'epoca, la parrocchia del Sacro Cuore venne accorpata al Duomo, sotto la guida di monsignor Marasini, ora sembra essere don Di Luca il destinato a reggere Madonnina e Sant'Antonio (col pensionamento di don Franco Farenga). Ieri, intanto, molte persone, forse 500 hanno solidarizzato con don Abele, il quale s'è limitato a ringraziare, senza esporsi troppo. Che non voglia lasciare Valenza è noto. Che ci siano molte realtà, sportive e sociali, che vogliono che resti è chiaro.

Anche il sindaco Barbero ("da ateo") vorrebbe non perdere un sacerdote importante per la comunità. Basterà tutto questo a convincere il vescovo?  Oppure prevarranno le ragioni di chi preferisce che don Abele se ne vada altrove?

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Viabilità

Le strade chiuse per la “Milano-Sanremo”

07 Agosto 2020 ore 06:52
.