Domenica 18 Agosto 2019

Al via al Teatro Sociale la rassegna "Morire dal ridere"

Giovedì 28 marzo protagonista Rita Pelusio con lo spettacolo “Urlando Furiosa”. In tutto 7 titoli, 6 diversi linguaggi artistici, 1 contest partecipativo; dal teatro 'classico' shakespiriano a quello di narrazione, dalla danza contemporanea alla stand-up comedy, legate da un appeal ‘leggero’, estremamente divertente e coinvolgente

Al via al Teatro Sociale la rassegna "Morire dal ridere"
VALENZA - Sarà Rita Pelusio, attrice e comica di Zelig, Colorado, Markette, ad inaugurare, giovedì 28 marzo, la rassegna Morire dal ridere del Teatro Sociale. Il format primaverile, giunto alla terza edizione, propone fino al 30 maggio sette spettacoli, caratterizzati da linguaggi diversi e un comune appeal “leggero” tra comicità, satira e umorismo. Rita Pelusio da anni sperimenta un teatro che sa essere al contempo comico e civile. Nel suo spettacolo Urlando Furiosa – un poema etico, diretto dal giovane regista Riccardo Pippa, in scena giovedì 28 marzo alle 21, racconterà le battaglie e le meditazioni sul presente di Urlando, una “diversamente paladina”.

Urlando ha un problema: l'intolleranza al senno. Decisamente inadatta a stare sulla terra viene esiliata sulla Luna, dove finiscono tutte le cose perdute. E come loro anche Urlando si sente persa. Ora è lassù e guarda dall'alto il mondo che ha lasciato. Si chiede dove stia davvero la follia e dove la ragione. Non avrebbe fatto meglio ad accettare il senno terrestre che ha sempre intollerato? Vale la pena battersi per battaglie considerate perse?

Urlando furiosa gioca con l'immaginario dell'epica, presenta un'eroina al contrario, piena di dubbi, in crisi, perennemente bastonata dalla realtà. Attraverso le sue riflessioni e il racconto delle sue battaglie perse si interroga sulle contraddizioni del presente e si chiede se ha ancora senso credere nell’incredibile, sfidare il cinismo e la disillusione, immaginare il futuro con più incanto.

La serata sarà poi impreziosita da un incontro con un ospite speciale legato al territorio alessandrino. Nato da un’idea di Andrea Lisco, il progetto “Diversamente paladini” si ricollega ai contenuti più profondi della pièce e coinvolge semplici cittadini, professionisti o rappresentanti di associazioni, enti e Onlus che su un piano pubblico o strettamente privato, combattono per un ideale.
Sono storie di piccoli eroi, diversamente paladini, appunto, che hanno avuto il coraggio di tutelare i più deboli, trasformare un sopruso o un dramma personale in valore collettivo, che hanno denunciato, sbugiardato e sfidato i potenti, difendendo, ad ogni costo, il principio di giustizia e democrazia. Nel corso della lunga tournée, tra i ‘paladini’ che fin ora hanno aderito, ci sono stati Salvatore Borsellino e il Movimento delle Agende Rosse; Manuela Valenti, direttore della Divisione Pediatrica di Emergency; Andrea Franzoso, whistleblower che ha portato alla luce gli illeciti avvenuti all’interno di Ferrovie Nord Milano; Cristiano Rossi, alias Cris Brave, giovane rapper affetto da tetraparesi spastica; e Luciano Tirindelli, agente di scorta di Giovanni Falcone ‘sopravvissuto’ alla strage di Capaci.

Urlando furiosa è scritto da Rita Pelusio, Domenico Ferrari, Riccardo Piferi, Riccardo Pippa; una coproduzione Nidodiragno/CMC – Anna Marcato/PEM Habitat teatrali.

Giovedì 4 aprile sarà ospite il Teatro degli Acerbi, compagnia di Asti, con lo spettacolo Zuppa di latte – ueinting for Carlin, commedia tra realtà e favola, ispirata al racconto omonimo di Carlo Petrini, fondatore di Slow Food. Lo show degli alessandrini PassoCarrabile Tra le corde del tempo, in programma sabato 13 aprile, sarà molto più di un concerto ma un vero “viaggio” nella storia della musica cantautorale, dal gregoriano ai giorni nostri. Con residenze ad Arquata Scrivia e Alessandria, ecco ancora la compagnia Commedia Community, al Teatro Sociale giovedì 9 maggio con il testo shakespearian La bisbetica domata, diretto da Luca Zilovich.

La promozione territoriale si esplicita anche attraverso la collaborazione con il comitato “L’Oro dal Po al Monferrato” grazie alla quale i possessori Card “L’Oro dal Po al Monferrato”, avranno diritto ad un biglietto agevolato per tutti gli eventi della rassegna “Morire dal ridere”: un modo per contribuire allo sviluppo e alla promozione della piccola economia locale all’insegna di un’offerta culturale che sappia restituire valore alla comunità, a tutto campo.

La programmazione trasversale ma sempre condita da umorismo propone poi, giovedì 18 aprile, la danza contemporanea dell'innovativo e pluripremiato R.osa con Claudia Marsicano, Premio UBU 2017 come migliore attrice-performer Under 35: una dissacrante satira del culto dell’essere ‘in forma’ ad ogni costo. Si interroga sul tema della dipendenza dalle nuove tecnologie lo spettacolo Ah, com’è bello l’uomo (giovedì 23 maggio) proposto dalla compagnia di circo contemporaneo Zenhir, nata grazie alla co-produzione della Scuola di Circo Flic di Torino.

Morire dal ridere si chiude in levare giovedì 30 maggio, con una serata di stand-up comedy, espressione comica figlia di un impiego culturale dell’umorismo, che pone al centro la parola libera, forte, “colta” e soprattutto personale. Nel corso della serata conclusiva, oltre ad ospiti speciali, si esibiranno i comici finalisti del Contest “tand-up Valenza, concorso per nuovi talenti aperto a professionisti e non, promosso dal Valenza Teatro Social Club. Al contest si può partecipare gratuitamente inviando, entro martedì 30 aprile, un breve video di presentazione alla mail biglietteria@valenzateatro.it. Sarà la Giuria di “Morire dal ridere” a scegliere 5 concorrenti che proporranno il loro show live sul palco di Valenza. Il vincitore finale del contest avrà l’opportunità di inserire un proprio spettacolo all’interno della programmazione del Teatro Sociale di Valenza nella prossima stagione 2019/2020.

La rassegna gode del contributo della Fondazione CRT, essendo tra i progetti vincitori di “Not&Sipari” 2018, bando della Fondazione CRT dedicato alla diffusione capillare delle rassegne culturali e degli spettacoli dal vivo sul territorio.
  
Tutti gli spettacoli di “Morire dal ridere” sarannno al Teatro Sociale (corso Garibaldi 58) con inizio alle 21. Prezzi dei biglietti: intero 12 euro, ridotto 8 euro (soci Novacoop; card ‘L’oro dal Po al Monferrato’; tesserati SpringUp). È possibile, inoltre, acquistare una card “Morire dal ridere” che permette l'accesso ai 7 spettacoli al costo speciale di 42 euro. I biglietti sono in vendita anche online su: https://www.liveticket.it/valenzateatro. La biglietteria è aperta da mercoledì a venerdì dalle 16 alle 19; sabato dalle 10 alle 12.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

L'evento

La festa delle miss col trionfo di Alice

11 Agosto 2019 ore 14:40
Appuntamenti

Ferragosto:
le proposte per il giorno di festa

15 Agosto 2019 ore 07:00
.