Sabato 11 Luglio 2020

Il governatore

Cirio: "Tampone positivo, ma sto bene. Il decreto? Per lavoro ci si può muovere"

Il presidente della Regione: "E' il momento di stare uniti. Dobbiamo evitare il diffondersi del contagio"

Cirio: "Tampone positivo, ma sto bene. Il decreto? Per lavoro ci si può muovere"

ALBA - Il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, ha annunciato in una diretta video sulla sua pagina Facebook la positività al test per il coronavirus Covid 19: "Sono a casa, sono isolato anche da mia moglie, ma sto bene e non ho alcun sintomo - le sue parole - Dobbiamo imparare che queste regole di condotta puntano a preservare la nostra comunità dal contagio. Tutto ciò non mi distoglierà dall'emergenza e dal governo della Regione".

Il governatore ha chiarito anche alcuni punti controversi del decreto: "Il documento sta facendo impazzire i nostri cittadini - ammette - Per questo, abbiamo fatto stanotte un grande lavoro e continuerò nei prossimi giorni. Non ci sono problemi sulla gestione dell'emergenza, che noi non abbiamo mai sottovalutato. Non siamo come la Lombardia e abbiamo ancora la possibilità, attraverso questi strumenti, di evitare il diffondersi del contagio. Sappiamo che è un disagio per tutti, ma dobbiamo pensare alla sicurezza nostra, dei nostri figli e dei nostri anziani".

"Il decreto - aggiunge - non parla più di zone rosse o gialle. Oggi, di fatto, il Piemonte è diviso in due: ci sono zone di confine (come la provincia di Alessandria, ndr) che hanno prescrizioni rigide, ma terremo una videoconferenza con i prefetti del territorio per emettere delle circolari per chiarire la vita delle persone. Gli spostamenti sono vietati in entrata e uscita e anche dentro le aree con prescrizioni: la domanda, allora, è se per lavoro posso spostarmi. Io rispondo certo. Le merci possono spostarsi? Certo. Piuttosto, se uno vuole andare in giro a prendere un gelato, magari è meglio non andare là dove potrebbero crearsi assembramenti".

Bar e ristoranti chiusi alle 18? "E' una regola rigida che prima non c'era - evidenzia Cirio - Avevamo posto dei dubbi su questa scelta, che però ci è stato spiegato esser stata presa perché è difficile controllare. Allo stesso modo, pure i centri commerciali, una delle grosse critiche dei giorni scorsi, saranno chiusi nel weekend".

"Io non mollo - conclude Cirio - ed è il momento di stare uniti". 

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Novi Ligure

Muore mentre fa
colazione al bar

02 Luglio 2020 ore 11:20
Serravalle Scrivia

Violenza
e sequestro di persona, arrestato 45enne

04 Luglio 2020 ore 09:15
La foto

Dorme, con la gamba ingessata,
sulla panchina

08 Luglio 2020 ore 16:22
.